02(4)

Se è vero che un vino è il frutto del lavoro della terra e della gente che la abita, per apprezzarne tutte le sfumature è necessario conoscere il territorio, gli uomini e le donne che l’hanno prodotto. I vitivinicoltori romagnoli hanno imparato a governare l’intero ciclo del vino nel cui contenuto il consumatore attento coglie i fattori ambientali e storici, insieme alla sapienza e alla personalità di chi l’ha prodotto. Il vino parla la lingua di una terra, la Romagna, un fazzoletto rigoglioso che corre tra il mare e gli Appennini, increspandosi in poggi e colli disegnati dalle geometrie di frutteti e vigneti alternati da case coloniche, borghi, torri e rocche.

E mì paes. Oggi e ieri


La Romagna esiste da circa 1500 anni; da quando l’Esarcato ravennate venne definito Romània e Romandìola. Da allora questo territorio è stato oggetto di continui mutamenti territoriali derivanti da invasioni e occupazioni dall’esterno e da lotte tra i potentati locali. Per questo i tentativi di definirne i confini geografici si sono susseguiti nel corso degli anni e ancora oggi non sono chiari. Evidente è invece il carattere sfaccettato di questa zona d’Italia: basti pensare alle varie declinazioni del dialetto o alle mutevoli dimensioni della piadina.

La sua gente


Attorno alla metà dell’800, Massimo D’Azeglio rilevava che “… la stoffa della razza romagnola è fra le migliori che si conoscano. Ha nelle vene sangue, e non crema alla vaniglia”.
Coraggio e personalità, fusi in un carattere nel quale s’incontrano un’apparente ruvidezza e tenerezze nascoste, la riservatezza dei sentimenti ed esternazioni gioiose.
L’ospitalità accomunava le genti di campagna e di città. Era un sentimento non di maniera, ma vero e antico che trovava piena espressione nell’offerta del vino. I modi di vita tradizionali, il carattere, i sentimenti delle generazioni passate continuano a vivere, nei romagnoli di oggi, uomini e donne.

Da questi paesaggi e grazie a queste persone nascono Romagna Albana DOCG – primo vino bianco italiano riconosciuto a Denominazione di Origine Controllata e Garantita – Romagna Sangiovese DOC, che scalda il cuore. E ancora Romagna Albana Spumante DOC, Romagna Trebbiano DOC, Romagna Pagadebit DOC, Romagna Cagnina DOC, insieme alle più recenti Colli d’Imola DOC, Colli di Faenza DOC.