Lo possiamo dire con assoluta certezza: questo vino, da sempre, simboleggia il carattere della gente di Romagna così fresca e conviviale come questo grande rosso italiano che, storicamente, è legato ad una diatriba tra i toscani e gli stessi romagnoli. I primi, infatti, sostengono che il sangiovese, uva dalla quale si produce sia il Chianti che il Brunello di Montalcino, sia una loro varietà autoctona “esportata” in altre regioni, compresa la Romagna, attorno al XV secolo mentre i romagnoli, a loro favore, avanzano una tesi molto suggestiva: ovvero che il vitigno sia stato piantato attorno al Monte Giove o Colle Jovis, una collina nei pressi di Santarcangelo di Romagna. La leggenda, a tal proposito, narra che i frati cappuccini del convento che sorgeva su queste colline producevano un rosso molto apprezzato all’epoca tanto che ad un loro ospite, chiedendo il nome del vino, gli venne risposto che si chiamava Sanguis Jovis (Sangue di Giove), nome che nei secoli si tramutò in Sangiovese.

Ma la leggenda, come potrebbe essere questo racconto, si discosta di poco dalla verità storica che è emersa negli ultimi anni nei confronti del Sangiovese di Romagna che un atto notarile del 1672, nell’Archivio di Stato di Faenza, vuole già coltivato nel territorio di Casola Valsenio, nell’Appennino faentino in Romagna. Il documento, riportato alla luce dallo studioso Lucio Donati di Solarolo, è importantissimo perché cita “tre filari di Sangiovese” nel podere Fontanella di Pagnano che al tempo si trovava nel comune di Brisighella.

L’affermazione, che sicuramente fa ipotizzare con certezza una presenza già precedente del vitigno in zona, è talmente importante e rivoluzionaria per la storia della viticoltura romagnola che Beppe Sangiorgi, storico del mondo rurale romagnolo, ha avviato a sua volta una ricerca che è stata presentata al Vinitaly, durante il quale il giornalista ha dichiarato: “Molti autorevoli studiosi ritengono genericamente l’Appennino tosco-romagnolo la culla del Sangiovese, figlio di due vitigni toscani, di cui uno “immigrato” dalla Calabria”. Combinando tale presupposto con una originaria e larga diffusione del Sangiovese nel Faentino e nell’Imolese, ho ipotizzato che la culla, nella quale il vitigno è cresciuto robusto e generoso, sia stata tra il XII e il XV secolo, il cosiddetto “periodo caldo medievale”, nel versante romagnolo di quella parte della Romagna Toscana dalla quale originano le vallate del Lamone, Senio e Santerno. E precisamente nelle vigne dei monasteri vallobrosani di S. Reparata e Crespino nei pressi di Marradi, Susinana, tra Casola e Palazzuolo e Moscheta, vicino a Firenzuola. I monaci vallombrosani erano abili viticoltori e dovevano disporre di vino rosso per le celebrazioni religiose in quanto è stato solo il Sinodo di Milano del 1565 che ha permesso l’uso del vino bianco ed inoltre la Regola di San Benedetto disponeva che in caso di malattia i monaci potevano bere un’emina (tre coppe) di vino al giorno. Secondo alcuni linguisti il Sangiovese ha assunto nell’Appennino tosco-romagnolo il nome di “Sangue dei gioghi” cioè dei monti per poi scendere in Romagna e in Toscana diversificandosi nel nome e nelle caratteristiche in quanto è un vitigno molto sensibile al terroir. Nel dialetto romagnolo la definizione originale è stata tradotta in “sangve di zov” e quindi “sangve zoves” che attraverso una contrazione e unificazione è diventato sanzves, poi italianizzato in Sangiovese e così si è sempre e solo chiamato in Romagna sia il vitigno che il vino. In Toscana invece è stato chiamato prima Sangiogheto poi Sangioeto, San Zoveto, e soprattutto Sangioveto fino a cavallo del 1900 quando, anche in tale regione, si è affermato il termine Sangiovese”.

Tornando ai giorni nostri è importante segnalare che il Sangiovese è stato il primo vino romagnolo ad essere insignito, nel 1967, della DOC, anche se il disciplinare è stato oggetto di una profonda rivisitazione nel 2011 con l’introduzione della nuova denominazione di origine controllata dei vini “Romagna” che ha variato la storica Doc Sangiovese in “Romagna Sangiovese” (85% min di sangiovese).

Rispetto al vecchio disciplinare il cambiamento più significativo a mio giudizio riguarda l’introduzione di ben 12 sottozone (min 95% di sangiovese) con possibilità di produrre anche la tipologia “riserva”: Bertinoro (solo per il Romagna Sangiovese riserva), Brisighella, Castrocaro – Terra del Sole, Cesena, Longiano, Meldola, Modigliana, Marzeno, Oriolo, Predappio, San Vicinio, Serra.
Una vera e propria “rivoluzione” per un vino che da tre anni a questa parte vede premiate le specificità dei vari territori dove l’uva assume caratteri ben specifici e non riproducibili altrove.

Provando a fornire una descrizione dei vari territori del Sangiovese di Romagna possiamo riportare quando segue:

Bertinoro: lo storico territorio dell’Albana di Romagna si è scoperto recentemente vocato anche per il Sangiovese che in questa zona risulta molto strutturato e caldo.
Brisighella: i terreni ricchi di arenarie e argilla, prossimi alla vena del gesso, danno vita ad un Sangiovese di grande vivacità con note di fiori e frutta rossa ben matura.
Oriolo: la sottozona è formata da terreni ricchi di sabbie gialle ed argilla. Nel primo caso nascono vini pronti e fruttati, nel secondo caso il sangiovese darà vita ad un vino strutturato e dalla grande longevità
Castrocaro-Terra del Sole: come riporta lo stesso disciplinare di produzione, la cosiddetta Romagna Toscana ha risentito molto dell’influenza del Granducato, tanto che la definizione dell’area deriva più dalla storia e tradizione locale che non da una differenza sostanziale con i prodotti della limitrofa area di Oriolo.
Cesena: i vini di questa terra sono sempre abbastanza equilibrati e caratterizzati da un importante aroma di frutta rossa come la ciliegia matura.
Longiano: vini caldi, sapidi e di grande struttura. Se li conosci….li riconosci!
Modigliana: l’austerità applicata al Romagna Sangiovese.
Marzeno: lo “Spungone” romagnolo dà vita a vini dal deciso impatto di forza fruttata.
Predappio: il Sangiovese di questo territorio ha sempre goduto di una nomea importante tramandata dalla tradizione popolare orale. Soprattutto dal biotipo locale ad acino allungato si ottengono vini dal fruttato molto evidente e con tannini piuttosto duri e austeri.
San Vicinio: inserito nell’area in cui si esprime al massimo grado la formazione Marnoso-arenacea Romagnola, il sangiovese di questa zona fornisce vini dal grande equilibrio e dal tannino vellutato.
Serra: storicamente è indicato come il territorio più vocato per il sangiovese grazie ad un clima tendenzialmente continentale e poco mitigato dalla rilevante distanza dal mare. In generale i vini possiedono delicate note floreali e un frutto fresco, esaltati da una corretta esposizione delle vigne.

Siete pronti a valutare tutte le varie sfumature del grande Romagna Sangiovese?
Io sono pronto e sono sicuro anche voi!

Il Romagna Albana, un bianco sorprendente

Il Romagna Albana, un bianco sorprendente

Dopo diversi mesi ed un certo numero di contributi, si chiude questa mia rubrica sul blog del Consorzio Vini di Romagna con una breve parentesi dedicata all’Albana. Non è un caso, questi mesi sono stati infatti particolarmente utili per scoprire le diversità che il Sangiovese è in grado di offrire. Dalle sue caratteristiche – anche…

Il Romagna Sangiovese e le sue tante sottozone

Il Romagna Sangiovese e le sue tante sottozone

Benché la statura e la dignità del Sangiovese di Romagna mi siano state chiare da subito – bicchiere dopo bicchiere, bottiglia dopo bottiglia – mi sono accorto altrettanto presto di quanto fosse difficile riuscire ad inquadrarlo all’interno di uno schema definito…

Il Sangiovese di Romagna tra diversità ed unicità

Il Sangiovese di Romagna tra diversità ed unicità

Benché la statura e la dignità del Sangiovese di Romagna mi siano state chiare da subito – bicchiere dopo bicchiere, bottiglia dopo bottiglia – mi sono accorto altrettanto presto di quanto fosse difficile riuscire ad inquadrarlo all’interno di uno schema definito…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *