Si sa, il pollo non è sempre uno dei piatti più appetibili che si possa portare in tavola. È cosa altrettanto nota, però, l’abilità tutta romagnola di arricchire anche le portate più povere. Ecco allora che anche una carne poco saporita può trasformarsi in una festa di profumi. Il pollo alla cacciatora è uno di quei secondi nati dalla necessità di utilizzare i pochi prodotti che si avevano in dispensa, accostandoli però con la fantasia e la maestria che nelle cucine di Romagna non mancano mai.
Vino in abbinamento? Un buon calice di Romagna Sangiovese DOC!

Lista della spesa
1 pollo
500 gr di pomodori pelati
1 cipolla
1 spicchio d’aglio
2 carote
3 coste di sedano
rosmarino
1 bicchiere di vino rosso
prezzemolo
olio extravergine di oliva
sale
pepe

Preparazione
Per prima cosa lavate il pollo, pulitelo avendo cura di togliere la pelle e tagliatelo a pezzetti. Prendete quindi una padella capiente e rosolatevi in modo uniforme i pezzi di pollo per circa 10 minuti. Non appena il pollo avrà preso colore, mettete in padella cipolla, lo spicchio d’aglio e i profumi (carote e sedano tritati finemente). Salate, pepate, sfumate con il vino rosso, quindi fate soffriggere per circa 5 minuti.
Aggiungete poi i pomodori pelati e lasciate cuocere per circa 30 minuti con il coperchio.
Prima di servire aggiungete un pizzico di prezzemolo tritato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *